Minimi retributivi lavoro domestico 2019

0
193

È stato siglato ieri da Fidaldo (Federazione nazionale dei datori di lavoro domestico) presso il Ministero del lavoro l’accordo con le nuove tabelle dei minimi retributivi per colf e badanti per il 2019. Si registrano leggeri aumenti rispetto al 2018.

Alcuni esempi dei nuovi minimi per i livelli più comunemente utilizzati :

  • Livello A Colf con meno di 12 mesi di esperienza il mensile è pari a 636,20 per 4,62 euro orari
  • Livello B Colf generico polifunzionale non convivente 578,37, convivente 809,71, per 5,78 euro orari
  • Livello D Super per l’Assistenza a persona non autosufficiente (formata) il minimo orario è di 8,21 euro.

L’indennità di vitto e alloggio per i lavoratori conviventi: totale 5,61 (pranzo 1,96, cena 1,96, alloggio 1,69).

Gli incrementi mensili per i domestici conviventi vanno da circa 7 euro a 15 euro per le badanti che assistono persone non autosufficienti.

Per le colf invece lo stipendio mensile cresce di 8,97, per le baby sitter che assistono bambini sopra i 3 anni di 9,61 euro (livello BS), e per le badanti (livello CS) di 10,89 euro. Nel PDF pubblicato da Domina, e allegato sotto, tutti i dettagli per ogni livello di inquadramento e mansione.

Il contratto collettivo nazionale del lavoro domestico, è stato firmato nel 2013 dalle varie associazioni Fidaldo , Assindatcolf, Domina, non è stato rinnovato malgrado sia scaduto nel 2016 ma viene aggiornato annualmente con l’accordo sulle retribuzioni tra le parti sociali presso il Ministero del Lavoro.

Le altre disposizioni generali non cambiano. L’orario di lavoro per colf badanti e baby sitter e gli altri lavoratori che collaborano nella gestione familiare non può superare le 10 ore giornaliere, non consecutive, e 54 ore settimanali per i conviventi e 8 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 40 ore settimanali su cinque o sei giorni per i non conviventi.

Si ricorda che il recente Decreto Dignità che ha modificato la disciplina del contratto a tempo determinato ha escluso il settore del lavoro domestico dai limiti e dai rincari del contributo addizionale.

Fonte: fiscoetasse.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.