Voucher baby-sitting per le lavoratrici autonome: al via l’erogazione

0
16

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che estende a lavoratrici autonome e imprenditrici la possibilità di fruire dei voucher per i servizi di baby sitting o del contributo per la frequenza degli asili nido. L’importo del contributo è pari a 600 euro mensili.

Anche le lavoratrici autonome e le imprenditrici neomamme possono fruire dei voucher o del contributo sui servizi per l’infanzia: è quanto previsto dal decreto, datato 1 settembre 2016, pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale, a firma del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze.

Modalità per la richiesta
Al termine del periodo di fruizione dell’indennità di maternità e nei tre mesi successivi, possono richiedere, per la durata massima di tre mesi, in luogo del congedo parentale, un contributo utilizzabile per il servizio di baby-sitting o, in alternativa, per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia, le seguenti categorie di lavoratrici:

– imprenditrici;
– autonome;
– artigiane e commercianti;
– coltivatrici dirette, mezzadre e colone;
– IAP;
– pescatrici autonome.

Importo del contributo
L’importo del contributo è pari a 600 euro mensili, erogato con modalità analoghe a quelle già previste per le lavoratrici dipendenti, fino all’esaurimento dei fondi stanziati.

Esclusioni e limitazioni
Non sono ammesse al beneficio le madri lavoratrici che:

– risultano esentate dal pagamento della rete dei servizi per l’infanzia;
– usufruiscono dei benefici erogati dal Fondo per le politiche relativi ai diritti e alle pari opportunità;

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here