mercoledì 18 gennaio 2017 | 19:10
Home Tags 142/2001

Tag: 142/2001

Socio coop lavoratore: esclusione e licenziamento, contestazione con opposizione alla delibera

La mancata opposizione da parte del socio della cooperativa alla delibera di esclusione rende definitivo lo scioglimento del rapporto sociale e il licenziamento intimato. Nel caso in cui la esclusione del socio dalla società cooperativa venga disposta con delibera assembleare, il socio che contesti l'atto risolutivo dovrà necessariamente opporsi alla delibera.

Assunzione donne svantaggiate: confermati gli incentivi

Confermata la riduzione dei contributi dovuti all'INPS a favore dei datori di lavoro che assumono donne prive di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi e residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti a decorrere dal 1° luglio 2014. Dopo il blocco cautelare, l'INPS comunica la ripresa degli incentivi.

Assunzione di disoccupati over 50

L'INPS illustra come procedere all'accesso al nuovo incentivo previsto dalla Legge Fornero per l’assunzione di lavoratori con almeno cinquantanni, disoccupati da oltre dodici mesi, e di donne di qualunque età, prive di impiego da almeno ventiquattro mesi ovvero prive di impiego da almeno sei mesi e appartenenti a particolari aree.

Dimissioni del socio dipendente di cooperativa sociale: Il suo reintegro come collaboratore a progetto

Il socio dipendente di una cooperativa sociale può dimettersi da dipendente ed essere reintegrato come collaboratore a progetto? Ci sono dei tempi da rispettare prima di essere reintegrato come collaboratore a progetto dalle dimissioni da dipendente?

Cooperative: le dimissioni del socio lavoratore

Il socio lavoratore di cooperativa non è titolare di un semplice rapporto di lavoro, ma di un rapporto societario e di un ulteriore rapporto lavorativo. Quest'ultimo è legato al primo, il che comporta che gli effetti del rapporto societario ricadono necessariamente su quello di lavoro sottostante.

Socio lavoratore e società cooperativa

Alla luce dell'art.1, comma 3 legge n.142/2001 e vista la particolare natura del rapporto giuridico che lega il socio cooperatore alla cooperativa (nel senso che la prestazione lavorativa si qualifica come adempimento del contratto associativo per la realizzazione dello scopo sociale ed è oggetto del rapporto mutualistico.

Dimissioni: Il campo di applicazione

Da un punto di vista soggettivo la nuova norma, per quanto riguarda l'identificazione del datore di lavoro, è estremamente generica: da ciò discende che non si possa escludere, sotto questo profilo, alcun datore di lavoro. Conseguentemente vi rientrano i datori di lavoro sia pubblici che privati, ivi compresi coloro che non rivestono la qualifica d'imprenditore.

Cooperative: regolamento interno

Le cooperative devono definire un regolamento, approvato dall'assemblea, sulla tipologia dei rapporti che si intendono attuare, in forma alternativa, con i soci lavoratori. Il regolamento che deve essere depositato entro 30 giorni dall'approvazione presso il DPL competente per territorio.

Rapporto tra soci lavoratori e cooperativa

Rapporto di lavoro: (art.3 c.1, L.142/2001) il socio lavoratore di cooperativa stabilisce un ulteriore rapporto di lavoro, in forma subordinata o autonoma o in qualsiasi altra forma con cui contribuisce comunque al raggiungimento degli scopi sociali.

Soci di cooperative: agevolazioni contributive

In risposta a due diversi interpelli, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si è di recente pronunciato in senso favorevole alla possibilità di ammettere i soci lavoratori di cooperative alle agevolazioni ex art.8, commi 2 e 4, della legge n.223/1991 ed ex art. 8, c.9, della legge n. 407/1990.

Il presidente del C.d.A.

La legge 142/2001 all'articolo 1, comma 3, ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo concetto di mutualità, che discende dalla separazione dello status di lavoratore da quello di socio, infatti la prestazione di lavoro è oggetto di un rapporto giuridico totalmente autonomo da quello mutualistico.
Share This Article:

close