Somme erogate per il lavoro notturno ordinario: Assoggettabili al regime di detassazione

0
8

Con riferimento alla circolare 59/E dell’Agenzia delle Entrate: gli importi erogati al lavoratore notturno (dipendente che svolge solo attività notturna) rientrano tra le somme detassate oppure si considerano detassati solo gli importi erogati al dipendente per attività notturna svolta non abitualmente?

Nella circolare n.59/E del 22 ottobre 2008 l’Agenzia delle entrate ricomprende espressamente tra le voci assoggettabili allo speciale regime di tassazione «le somme erogate per il lavoro notturno ordinario in ragione delle ore di servizio effettivamente prestate» e riconducibili all’ipotesi di cui all’art.2, comma 1, lett. c, D.L. n.93/2008.

La maggiorazione per lavoro notturno erogata al dipendente che svolge solo attività notturna può, pertanto, essere detassata in quanto dia luogo ad incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa ed altri elementi di competitività e redditività legati all’andamento economico dell’impresa.

Sul punto si evidenzia altresì che nella precedente circolare n.49/E dell’11 luglio 2008 l’Agenzia delle entrate aveva precisato che gli incrementi di produttività/efficienza/competitività, per rientrare nel regime di tassazione agevolata, non devono essere «necessariamente nuovi e innovativi rispetto al passato, né devono necessariamente consistere in risultati che, dal punto di vista meramente quantitativo, siano superiori a quelli ottenuti in precedenti gestioni, purché comunque costituiscano un risultato ritenuto positivo dall’impresa».

Fonte: Pietro Zarattini – Esperto Lavoro – Casi e Soluzioni – Ipsoa Editore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here