Rinnovato il ccnl per agenti e rappresentanti Industria

0
586

L’accordo 30 luglio 2014, di rinnovo del c.c.n.l. 20 marzo 2002 per i settori industriali e della cooperazione, decorre dal 1° settembre 2014 e scadrà il 31 dicembre 2017.
Tra le novità più rilevanti si segnala:

Variazioni di zona
Cambia la disciplina della variazioni di zona che possono essere:

– di lieve entità, cioè con riduzione del valore delle provvigioni fino al 5% nell’anno civile (1° gennaio-31 dicembre) precedente la variazione ovvero nei 12 mesi antecedenti la variazione, qualora l’anno precedente non sia stato lavorato per intero;
– di media entità, cioè con riduzione del valore delle provvigioni oltre il 5% e fino al 15% nell’anno civile (1° gennaio-31 dicembre) precedente la variazione ovvero nei 12 mesi antecedenti la variazione, qualora l’anno precedente non sia stato lavorato per intero;
– di rilevante entità, cioè con riduzione del valore delle provvigioni oltre il 15% nell’anno civile (1° gennaio-31 dicembre) precedente la variazione ovvero nei 12 mesi antecedenti la variazione, qualora l’anno precedente non sia stato lavorato per intero;

Retribuzione
Ai fini del diritto alle provvigioni, le proposte d’ordine non rifiutate dal preponente entro 30 giorni dalla data di ricevimento si intendono accettate.

Il diritto alla provvigione sussiste per gli affari proposti o conclusi anche dopo lo scioglimento del contratto, se la conclusione è effetto della propria attività ed avvenga entro un termine ragionevole dalla cessazione del rapporto (6 mesi).

Indennità di fine rapporto – Indennità meritocratica
Al momento della risoluzione del contratto a tempo indeterminato all’agente o rappresentante spetta, accanto all’indennità di risoluzione del rapporto ed all’indennità suppletiva di clientela, corrisposte anche in assenza di un incremento della clientela e/o del giro d’affari, l’indennità cd. “meritocratica”, collegata ad un incremento della clientela e/o del giro d’affari.

L’indennità suppletiva di clientela aggiuntiva viene abrogata.

Assistenza integrativa
Le Parti stipulanti istituiscono una Commissione per la costituzione di un fondo sanitario integrativo, anche attraverso la trasformazione dell’attuale polizza Enasarco.

Per tutte le novità dell’accordo di rinnovo si rinvia alla sintesi in calce.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here