Rateizzazione e nuovi termini di pagamento dei Tfs e dei Tfr per i dipendenti pubblici

0
309

Pubblicati con circolare INPS n.73 del 5/6/2014 i chiarimenti relativi alle modalità di pagamento rateale dei Tfs e dei Tfr, dei dipendenti pubblici, di importo lordo complessivo superiore a 50.000 euro innalzando a 12 mesi il termine di pagamento delle prestazioni erogate con riferimento a cessazioni dal servizio intervenute per raggiungimento del limite di età o di servizio.

La legge di stabilità per il 2014, ha esteso la modalità di pagamento rateale dei Tfs e dei Tfr dei dipendenti pubblici nonché degli altri dipendenti ex Enpas ed ex Inadel, anche alle prestazioni di importo lordo complessivo superiore a 50.000 euro ed ha innalzato a 12 mesi il termine di pagamento delle stesse prestazioni che siano state erogate con riferimento a cessazioni dal servizio intervenute per raggiungimento del limite di età o di servizio.

In particolare, ha stabilito che con riferimento ai dipendenti che maturano i requisiti per il pensionamento a partire dal 1° gennaio 2014, i TFS e i TFR, comunque denominati, vengono corrisposti nei seguenti modi:

– in unica soluzione se di importo pari o inferiore a 50.000 euro;
– in due o tre rate annuali, se di ammontare superiore a 50.000 euro a seconda che l’importo complessivo superi i 50.000 euro ma sia inferiore a 100.000 (in tal caso le rate sono due: 50.000 la prima e la parte eccedente la seconda) ovvero sia pari o superiore a 100.000 euro (e in tal caso le rate sono tre: 50.000 la prima; 50.000 la seconda e la parte eccedente i 100.000 la terza).

Dopo aver acquisito il parere del Ministero del lavoro e delle politiche sociali reso con nota pr.7787 del 26 maggio 2014 l’INPS ha ritenuto necessario pubblicare il 5 giugno 2014, la circolare n. 73 in cui ricostruisce il quadro normativo vigente, caratterizzato dalla coesistenza di una pluralità di regimi di termini e di fasce di importo che variano in ragione della data di conseguimento dei requisiti pensionistici.

In effetti, con la circolare, definisce nel dettaglio il pagamento rateale dei Tfs e dei Tfr ai:

– Dipendenti che cessano dal servizio a partire dal 1° gennaio 2014;
– Dipendenti che maturano il diritto a pensione dopo il 31 dicembre 2013;
– Dipendenti che hanno maturato il diritto a pensione entro il 31 dicembre 2013.

Inoltre passa ad esaminare le possibile deroghe e a fornire chiarimenti relativi ai termini di pagamento del trattamento di fine servizio per il personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico che cessa anticipatamente rispetto al limite ordinamentale.

Infine, fornisce chiarimenti in merito al possesso dei 57 anni di età e dei 35 di contribuzione necessari per l’esercizio dell’opzione da parte delle lavoratrici per ottenere il trattamento pensionistico calcolato secondo il sistema contributivo, e al pensionamento per il personale soprannumerario di pubbliche amministrazioni interessate da processi di riduzione e razionalizzazione.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here