NASpI, ASDI e DIS-COLL: al via dal 1° maggio

0
8

Parte la riforma degli ammortizzatori sociali. Dal 1° maggio la nuova Naspi e la sperimentale ASDI sostituiscono l’Aspi e la Mini-Aspi; la nuova Dis-Coll prenderà il posto della vecchia una tantum prevista per i collaboratori coordinati e continuativi con o senza modalità a progetto. Nel Dossier di IPSOA Quotidiano tutti gli approfondimenti, gli strumenti e le risposte su NASpI, ASDI e DIS-COLL, con infografica, modulistica, normativa e prassi.

Il regime degli ammortizzatori sociali subisce una profonda trasformazione. Naspi, ASDI e Dis Coll sono le nuove indennità disoccupazione.

Significative le novità: più ampia la platea dei beneficiari della tutela, ma si riduce la misura del sostegno pubblico. Non cambiano invece gli oneri contributivi per i datori di lavoro.
Nel dettaglio:

· la NASpI è il nuovo sussidio di disoccupazione involontaria per i lavoratori dipendenti privati con riferimento agli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1° maggio 2015. Sono esclusi dalla sua applicazione i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e gli operai agricoli
· l’ASDI (sperimentale per il 2015) è l’assegno di disoccupazione riconosciuto ai lavoratori che al termine della NASpI non hanno trovato un’occupazione e che si trovino in una condizione di particolare necessità in quanto appartenenti a nuclei familiari con componenti minorenni o vicini al pensionamento senza averne maturato i requisiti
· la DIS-COLL (sperimentale per il 2015) è la nuova indennità mensile di disoccupazione a favore dei collaboratori coordinati e continuativi con o senza modalità a progetto che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione. Tale indennità ricalca in parte la struttura, le caratteristiche ed i requisiti dell’indennità una tantum della Legge Fornero.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here