Lavoratori somministrati: in scadenza la comunicazione annuale

0
19

Ultimi giorni per la comunicazione annuale obbligatoria sul monitoraggio dei lavoratori somministrati: entro il 31 gennaio, infatti, i datori di lavoro devono comunicare alle Rsu/Rsa o, in mancanza di queste, alle categorie delle organizzazioni sindacali i dati inerenti la somministrazione riferiti al 2014. Non è necessario indicare il nome dei lavoratori somministrati: la comunicazione è limitata esclusivamente al dato numerico. Possibile la consegna a mano, con raccomandata con ricevuta di ritorno oppure tramite posta elettronica certificata. In caso di mancato o non corretto assolvimento dell’obbligo di comunicazione si applica la sanzione amministrativa pecuniaria di importo da € 250 a € 1.250.

Le aziende che, nel corso del 2014, hanno stipulato contratti con le agenzie di somministrazione, sono tenute, entro il 31 gennaio 2015, a comunicare alla rappresentanza sindacale aziendali ovvero, in mancanza, alle Organizzazioni sindacali di categoria il numero dei contratti di somministrazione conclusi e le relative motivazioni.

La comunicazione può essere inoltrata direttamente dall’azienda o per il tramite dell’associazione dei datori di lavoro alla quale aderisca e dovrà obbligatoriamente contenere:

· La durata dei contratti
· I motivi dell’utilizzo
· il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.

Non è necessario indicare il nome dei lavoratori somministrati: la comunicazione è limitata esclusivamente al dato numerico.

L’invio potrà avvenire tramite consegna a mano, raccomandata con ricevuta di ritorno oppure tramite posta elettronica certificata.

Pur essendo la norma in vigore dal 2003, l’effettivo obbligo comunicativo ha assunto rilevanza a seguito dell’introduzione della sanzione amministrativa pecuniaria, prevista dal D. Lgs. n.24/2012: nell’ipotesi di mancato o non corretto assolvimento dell’obbligo di comunicazione, trova applicazione la sanzione amministrativa pecuniaria pari ad un importo che va da € 250 a € 1.250.

Il Ministero del lavoro, con l’interpello n.36/2012 del 22 novembre 2012, ha specificato che la contrattazione collettiva può individuare un termine diverso che vada oltre il 31 gennaio;in tal caso, la disposizione contrattuale costituirà un nuovo termine effettivo anche ai fini della applicazione del regime sanzionatorio indicato.

Il periodo di riferimento, da prendere in considerazione per il calcolo numerico dei contratti stipulati, è sempre e comunque l’anno civile precedentemente concluso.

Motivazioni del ricorso alla somministrazione
Come noto, il Jobs Act ha abrogato la norma che prevedeva l’apposizione obbligatoria della motivazione per la stipula dei contratti a tempo determinato, anche in somministrazione. L’individuazione di specifici limiti quantitativi è invece affidata ai CCNL, ma sono in ogni caso sempre stipulabili senza limiti i contratti di somministrazione a tempo determinato nelle seguenti ipotesi:

· avvio di nuove attività per i periodi che saranno definiti dai contratti collettivi nazionali di lavoro anche in misura non uniforme con riferimento ad aree geografiche e/o comparti merceologici
· ragioni di carattere sostitutivo, o di stagionalità
· specifici spettacoli ovvero specifici programmi radiofonici o televisivi
· con lavoratori di età superiore a 55 anni.

È possibile ricorrere al contratto di somministrazione a tempo indeterminato, ovvero il c.d. staff leasing, esclusivamente nei seguenti casi:

a) per servizi di consulenza e assistenza nel settore informatico, compresa la progettazione e manutenzione di reti intranet e extranet, siti internet, sistemi informatici, sviluppo di software applicativo, caricamento dati;
b) per servizi di pulizia, custodia, portineria;
c) per servizi, da e per lo stabilimento, di trasporto di persone e di trasporto e movimentazione di macchinari e merci;
d) per la gestione di biblioteche, parchi, musei, archivi, magazzini, nonché servizi di economato;
e) per attività di consulenza direzionale, assistenza alla certificazione, programmazione delle risorse, sviluppo organizzativo e cambiamento, gestione del personale, ricerca e selezione del personale;
f) per attività di marketing, analisi di mercato, organizzazione della funzione commerciale;
g) per la gestione di call-center, nonché per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali nelle aree Obiettivo 1 di cui al regolamento (CE) n.1260/1999 del Consiglio, del 21 giugno 1999, recante disposizioni generali sui Fondi strutturali;
h) per costruzioni edilizie all’interno degli stabilimenti, per istallazioni o smontaggio di impianti e macchinari, per particolari attività produttive, con specifico riferimento all’edilizia e alla cantieristica navale, le quali richiedano più fasi successive di lavorazione, l’impiego di manodopera diversa per specializzazione da quella normalmente impiegata nell’impresa;
i) in tutti i settori produttivi, pubblici e privati, per l’esecuzione di servizi di cura e assistenza alla persona e di sostegno alla famiglia;
j) in tutti i settori produttivi, in caso di utilizzo da parte del somministratore di uno o più lavoratori assunti con contratto di apprendistato;
k) in tutti gli altri casi previsti dai contratti collettivi di lavoro nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative.

Ulteriori obblighi di comunicazione
La comunicazione annuale non è l’unica comunicazione obbligatoria prevista dalla normativa in materia: in particolare, prima del ricorso alla somministrazione (ovvero entro cinque giorni in caso di motivate ragioni d’urgenza), l’azienda è tenuta ad inviare alle Organizzazioni sindacali, il numero e i motivi del ricorso ad essa.

Fac – simile comunicazione

[blockquote style=”3″](Carta intestata Azienda utilizzatrice)

Spett. le RSU o RSA o OO.SS territoriali categoria

Luogo, data

Oggetto: comunicazione annuale, ai sensi dell’art.24, comma 4 lett. b) D. Lgs. n.276/2003, da inviare entro il 31 gennaio 2015.

Con la presente la scrivente azienda _______________________, in ottemperanza a
quanto disposto dall’art. dell’art.24, comma 4 lett. b) del D. Lgs. n.276/2003,
comunica che, nell’anno 2013 ha fatto ricorso ai seguenti contratti di somministrazione di lavoro:

N. Contratti conclusi Motivi Durata (mese/giorni) Numero dei lavoratori utilizzati Qualifiche utilizzate
________________ ______ ________________ _________________________ _________________

Cordiali saluti.

Firma___________________________[/blockquote]

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here