Lavoratori in somministrazione: istituito il fondo di solidarietà

0
56

Al fine di assicurare per i lavoratori in somministrazione una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per cause previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria, è stato istituito il Fondo di solidarietà. Il relativo decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, del 17 aprile 2015 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.143 del 23 giugno 2015.

È stato istituito il Fondo di solidarietà per i lavoratori in somministrazione con decreto 17 aprile 2015 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.143 del 23 giugno 2015.

L’obiettivo è quello di assicurare ai lavoratori di quei settori non coperti dalla normativa in materia d’integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per cause previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria.

Il decreto stabilisce i requisiti di professionalità e di onorabilità, i criteri e requisiti per la contabilità del Fondo. Inoltre stabilisce che il Ministero del lavoro e delle politiche sociali è l’ente preposto alla vigilanza e al monitoraggio sulla gestione del fondo; ed in caso di irregolarità o di inadempimenti può disporne la sospensione dell’operatività.

Semestralmente dovranno essere inviati dal fondo al Ministero del lavoro e delle politiche sociali e al Ministero dell’economia e delle finanze, i dati di monitoraggio fisico, finanziario e procedurale relativi alle prestazioni erogate e alle iniziative realizzate affinché si assicuri una adeguata conoscenza circa l’andamento delle prestazioni e favorire una migliore gestione delle attività, anche attraverso un’eventuale riprogrammazione delle iniziative.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here