La cessione del quinto dello stipendio: sempre più richiesta

0
17

La cessione del quinto è una tipologia di prestito rivolta ai lavoratori dipendenti (pubblici, statali, di enti parastatali, di aziende private) e da qualche anno a questa parte ai lavoratori in pensione definita cessione del quinto pensionati, ovvero ai soggetti che possono contare su una busta paga o una pensione su cui può essere addebitata la rata del finanziamento.

Nella miriade di offerte che ci sono nella galassia dei prestiti personali un italiano su quattro si affida alla cessione del quinto dello stipendio. Sono questi i risultati di un’indagine svolta dai portali Facile.it e Prestiti.it, secondo cui a richiedere questa forma di prestito sono soprattutto dipendenti e pensionati.

La cessione del quinto della pensione deve essere un prestito personale a tasso fisso e rata costante, da estinguersi mediante cessione pro solvendo di una quota della pensione fino al quinto della stessa, valutato al netto delle ritenute fiscali e fatto salvo l’importo corrispondente al trattamento minimo, per periodi non superiori a dieci anni.

Un quarto degli italiani cede un quinto dello stipendio
Secondo l’indagine condotta dai due portali internet, la cessione del quinto è una forma di finanziamento cui – nel periodo che va da maggio a ottobre 2013 – ha guardato con interesse il 25,9% delle persone con intenzione di richiedere un prestito.

A presentare la richiesta sono soprattutto i dipendenti privati (58,6%), anche se c’è’ un 16% di richieste che arriva da pensionati. L’importo medio richiesto e’ pari a 17.000 € e l’età del richiedente e’ in media di 44 anni con un reddito medio mensile di 1.600 euro.

Gli importi più alti si richiedono in Sardegna (19.000 €) a seguire vi sono la Sicilia (18.700€) il Friuli Venezia Giulia, le Marche e la Puglia anche se per quest’ultima il dato subisce una riduzione significativa ( nel 2012 l’importo richiesto era pari a 22.500€).

Rispetto ad altre forme di prestito, la cessione del quinto possiede alcune caratteristiche particolari. Tra di esse, il fatto che la quota del prestito sia trattenuta direttamente sulla busta paga da parte del datore di lavoro per i lavoratori dipendenti o sulla pensione del richiedente il finanziamento per personale in pensione.

I vantaggi che si devono avere per ottenere questo prestito sono generalmente: tempi rapidi e a tassi convenienti; documenti facilmente reperibili; importi elevati, rateizzabili fino a 120 mesi, erogazione in tempi rapidi. In mancanza di queste condizioni difficilmente si può parlare di convenienza e vantaggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here