Il datore risponde del comportamento del dipendente

0
13

Cassazione sezione penale sentenza n.36737/08. La Cassazione ha stabilito che se un dipendente arreca disturbo alla quiete pubblica a finire sotto processo è il datore di lavoro. Spetta a lui infatti, secondo la Cassazione il compito di “impedire il disturbo” arrecato da dipendenti particolarmente chiassosi durante il lavoro.

Nel caso di specie è stata confermata la condanna per il reato di disturbo del riposo e della quiete pubblica (previsto e punito dall’art.659 c.p.) nei confronti del proprietario di un panificio i cui dipendenti facevano schiamazzi ad ogni ora del giorno e della notte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here