Garanzia Giovani, assunzioni dal 3 al 9 ottobre: richieste di incentivo “agevolato”

0
174

Devono essere presentate entro sabato 25 ottobre le richieste di incentivo per l’assunzione di lavoratori nell’ambito del Programma Garanzia Giovani effettuate dal 3 al 9 ottobre per poter essere valutate con il criterio della data di assunzione dei lavoratori. Diversamente saranno valutate con il criterio della data di presentazione.

Il Programma Garanzia Giovani prevede, tra le altre cose, un incentivoai datori di lavoro che assumono giovani inseriti nel Programma. L’incentivo, che può essere riconosciuto ai datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che siano imprenditori, spetta per l’assunzione di giovani che si registrano al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani www.garanziagiovani.gov.it.

Possono registrarsi al Programma i giovani di età compresa tra i 15 (a condizione che abbiano assolto al diritto dovere all’istruzione e formazione) e i 29 anni (29 anni e 364 giorni) non inseriti in un percorso di studi, non occupati – ai sensi del d.l.vo n.181/2000 – né inseriti in un percorso di formazione.

Come ci si registra al programma
Il giovane interessato si registra al Programma sul portale www.garanziagiovani.gov.it e i portali delle Regioni che hanno aderito al Programma stipulando un accordo con il Ministero del Lavoro. Il Centro per l’Impiego o un soggetto privato accreditato a svolgere servizi inerenti il mercato del lavoro contatta il giovane per concordare, mediante colloqui individuali, le iniziative da svolgere in suo favore. Il colloquio individuale è finalizzato all’attribuzione al giovane di un indice (detto classe di profilazione), che stima il grado di difficoltà del giovane nella ricerca di un’occupazione.

Sono previste 4 classi di difficoltà:

· classe di profilazione 1: difficoltà BASSA;
· classe di profilazione 2: difficoltà MEDIA;
· classe di profilazione 3: difficoltà ALTA;
· classe di profilazione 4: difficoltà MOLTO ALTA.

Tipologie di assunzioni per le quali spetta l’incentivo
L’incentivo spetta per le assunzioni – anche a scopo di somministrazione – sia a tempo indeterminato che determinato, purché di durata pari o superiore a sei mesi, effettuate nel periodo compreso tra il 3.10.2014 ed il 30.6.2017. L’incentivo spetta anche per i soci delle cooperative che stipulano con la stessa un rapporto di lavoro subordinato.
L’incentivo non spetta per i rapporti di apprendistato, di lavoro domestico, intermittente, ripartito e accessorio. L’incentivo spetta anche per i rapporti di lavoro con operai a tempo indeterminato (OTI) e determinato (OTD). Per i rapporti a tempo determinato l’incentivo spetta a condizione che la prestazione si svolga senza soluzione di continuità per il periodo minimo di sei mesi.

Misura dell’incentivo

26102014TAB1

L’incentivo è proporzionalmente ridotto in caso di assunzione a tempo parziale purché sia concordato un orario di lavoro pari o superiore al 60% dell’orario normale, in tal caso l’importo spettante si ottiene moltiplicando l’importo pieno per la percentuale che indica l’orario parziale rispetto all’orario normale. In caso di trasformazione del rapporto a termine in rapporto a tempo indeterminato, al datore di lavoro viene riconosciuto l’incentivo previsto per l’assunzione a tempo indeterminato, ridotto dell’importo dell’incentivo già riconosciuto con l’assunzione a tempo determinato. In tal caso si fa riferimento alla classe di profilazione utilizzata per la determinazione del primo incentivo. Ai fini della spettanza del secondo incentivo, la trasformazione può avvenire durante o dopo la scadenza del periodo (semestrale o annuale) di godimento del primo incentivo, purché entro la scadenza del rapporto a tempo determinato. Il medesimo principio si applica anche in caso di assunzione a tempo determinato dopo un periodo di somministrazione a tempo determinato. La riduzione non si applica se il precedente rapporto a termine non era agevolato.

Condizioni di spettanza dell’incentivo
La concessione dell’incentivo è subordinata al rispetto dei requisiti di carattere generale previsti per tutte le tipologie di assunzioni agevolate (rispetto del diritto di precedenza, assenza di sospensioni dal lavoro in atto, assenza di rapporti di collegamento o controllo tra azienda di provenienza e datore di lavoro che assume, Regolarità contributiva – DURC interno). La concessione del beneficio è inoltre subordinata al rispetto della normativa sugli aiuti di stato, nel limite “de minimis” (si veda la circolare n.102 del 3.9.2014) e non è cumulabile con altri incentivi all’assunzione, siano essi di natura economica o contributiva.

Qualora per l’assunzione del lavoratore spettino sgravi contributivi già previsti dalla nostra legislazione (es.: disoccupati da oltre 24 mesi art.8, co.9, l.407/1990, lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, ex l.223/1991, sgravi ex art.4, commi da 8 a 11, l.92/2012), dovranno essere applicati gli sgravi e non potrà essere chiesto il beneficio della “Garanzia giovani”. Qualora invece ricorrano i presupposti per l’applicazione della “garanzia giovani” e di altri benefici di natura economica (es.: benefici per l’assunzione di giovani genitori, di giovani tout court ex art.1 dl.76/2013), il datore di lavoro potrà scegliere quale incentivo chiedere.

L’incentivo spetta a condizione che il rapporto di lavoro si svolga in una delle seguenti regioni o provincia autonoma: Abruzzo; Basilicata; Calabria; Emilia Romagna; Friuli-Venezia Giulia; Lazio; Liguria; Lombardia; Marche; Molise; Prov. Autonoma Trento; Puglia; Sardegna; Sicilia; Toscana; Umbria; Veneto.

Per i rapporti – compresi quelli a scopo di somministrazione – che si svolgono in Emilia Romagna, Friuli–Venezia Giulia o Puglia, l’incentivo spetta solo per le assunzioni a tempo indeterminato.

Procedimento di ammissione all’incentivo a regime
A regime, l’incentivo è autorizzato dall’Inps in base all’ordinecronologico di presentazione delle istanze. Per l’ammissione all’incentivo il datore di lavoro:

· inoltra all’INPS una domanda mediante la procedura DiResCo – Modulo “GAGI” con il quale prenota l’incentivo
· generalmente, entro il giorno successivo all’invio dell’istanza, l’INPS determina l’importo che spetterebbe e lo comunica al datore di lavoro. La comunicazione dell’INPS è accessibile all’interno dell’applicazione “DiResCo”
· Entro sette giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione positiva dell’Istituto, il datore di lavoro, se ancora non lo ha fatto, deve effettuare l’assunzione ovvero la trasformazione
· Entro quattordici giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione positiva dell’Istituto, il datore di lavoro deve comunicare – a pena di decadenza – l’avvenuta assunzione o trasformazione, chiedendo la conferma della prenotazione effettuata. La comunicazione deve essere effettuata mediante l’applicazione “DiResCo.”. L’istanza di conferma costituisce domanda definitiva di ammissione al beneficio.

Nel caso in cui il datore di lavoro non sia in possesso della matricola aziendale deve chiederne una prima di attivare la richiesta di beneficio, indicando come inizio attività la data di presentazione della domanda di iscrizione. Qualora non riceva un inquadramento automatizzato, deve contattare la sede Inps competente per l’attribuzione dell’inquadramento, in mancanza del quale non potrà presentare la richiesta.

L’incentivo dovrà essere fruito mediante conguaglio/compensazione operato sulle denunce contributive (Uniemens o DMAG, per i lavoratori agricoli), con le modalità che l’Inps al momento non ha ancora emanato.

Definizione delle richieste di incentivo presentate dal 3 ottobre
Con il messaggio n.7598 del 9.10.2014 l’Inps ha comunicato il rilascio del modulo “GAGI” nella procedura DiResCo per la richiesta di incentivo, stabilendo che le istanze relative alle assunzioni effettuate tra il 3 e il 9 ottobre 2014 (rispettivamente, giorno di decorrenza dell’incentivo e giorno anteriore al rilascio del modulo GAGI) dovranno essere inviate entro sabato 25 ottobre 2014 (attenzione la scadenza non slitta anche se si tratta di giorno festivo).

Per questo blocco di richieste, la verifica delle disponibilità dei fondi sarà effettuata secondo l’ordine cronologico di assunzione del lavoratore. Per le istanze relative alle assunzioni effettuate a decorrere dal 10 ottobre 2014 la verifica delle disponibilità dei fondi sarà invece effettuata secondo il criterio generale, costituito dall’ordine cronologico di presentazione della richiesta.

E’ bene rilevare che la scadenza del 25 ottobre non rappresenta un termine di decadenza superato il quale il beneficio non può più essere richiesto ma che tale scadenza attiene solo alla modalità con la quale l’Inps istruisce le richieste.

Dopo il 25 ottobre 2014 sarà infatti ancora possibile inviare istanze per assunzioni effettuate tra il 3 e il 9 ottobre 2014, per tali richieste però, per la verifica delle disponibilità dei fondi non si terrà più conto della data di assunzione del lavoratore ma della data di presentazione della richiesta, che rappresenta il criterio generale a regime.

In sintesi:

· Per le assunzioni effettuate tra il 3 e il 9 ottobre è possibile inviare la domanda in qualsiasi momento
· Se l’invio della domanda di incentivo viene fatto entro il 25 ottobre, le domande saranno valutate in base alla data di assunzione dei lavoratori
· Se l’invio avviene dopo il 25 ottobre, saranno valutate in base all’ordine cronologico di presentazione.

Esempio:
Assunzione effettuata il giorno 7 ottobre e domanda presentata il 25 ottobre. Questa domanda avrà una priorità rispetto alle assunzioni fatte il 24 ottobre e presentate il giorno stesso in quanto si tiene conto della data di assunzione del lavoratore. Qualora invece per la stessa assunzione effettuata il 7 ottobre, la domanda sarà presentata dal 26 ottobre in poi, sarà valutata con il criterio della data di presentazione della richiesta, quindi dopo la valutazione della richiesta di incentivo per l’assunzione fatta il 24 ottobre con domanda presentata il giorno stesso.

L’elaborazione delle richieste sarà fatta successivamente al 25 ottobre tenendo conto dei criteri illustrati (data di assunzione ovvero data di presentazione della richiesta), dopo questo primo blocco di elaborazioni, l’elaborazione delle richieste dovrebbe avvenire con cadenza giornaliera. L’esito dell’elaborazione sarà comunicato ai datori di lavoro nella procedura DiResCo.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here