Domanda Inps prestazione cure termali lavoratore dipendente e autonomo

0
108

Il 31 ottobre 2013 è l’ultimo giorno disponibile per presentare la domanda di prestazione di cure termali con la quale si può richiedere direttamente all’Inps un sostegno economico per le spese di soggiorno nelle strutture che sono convenzionate.

Il contributo coprirà ovviamente anche tutte le spese connesse alle terapie base e accessorie. Il soggetto che ne fa richiesta dovrà però provvedere al pagamento di un ticket e alle spese di viaggio che non saranno coperte da parte dell’istituto previdenziale nazionale.

Ovviamente esistono dei limiti per cui richiedere questa assistenza. In primo luogo è necessario:

– essere lavoratori dipendenti iscritti all’Inps
– essere lavoratori autonomi iscritti all’Inps
– avere almeno 5 anni di anzianità assicurativa
– avere almeno 3 anni di contribuzione, pari a 156 settimane contributi nei cinque anni precedenti la presentazione della domanda.

In base alla legge non possono godere di tale diritto:

– familiari degli assicurati
– dipendenti di imprese e aziende dello Stato
– lavoratori dello spettacolo
– titolari di pensione

Sono invece inclusi i soggetti che sono titolari di assegno di invalidità.

La fruizione di tale diritto, ovvero di una serie di prestazioni balneo-termali può essere sfruttata esclusivamente in un periodo feriale. Il ciclo delle cure termali può durare al massimo 12 giorni ed inoltre viene concesso al massimo una volta l’anno. Inoltre è previsto anche un limite massimo di fruizione che ammonta a cinque cicli nell’arco dell’intera vita assicurativa.

La domanda di prestazione per cure termali deve essere presentata all’ufficio Inps di competenza, ovvero nella zona di residenza del lavoratore. Il modulo può essere inviato esclusivamente per via online, accedendo via:

– portale web dell’Inps accessibile direttamente dal cittadino tramite PIN
– contact center integrato al numero 803.164 o al numero 06.164.164
– patronati
– intermediari

É ben ricordare che prima dell’invio della domanda, il medico curante del lavoratore ha l’obbligo di comunicare all’Inps un certificato medico che attesti la patologia dell’assistito e le cure fondamentali ed accessorie che sarà necessario effettuare.

Fonte: Impresalavoro.eu

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here