Disabili: come versare il contributo esonerativo

0
36

Nella nota n.5113 del 2016, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, fornisce le indicazioni utili ad effettuare il versamento del contributo obbligatorio in caso di esonero del datore di lavoro dal rispetto dell’obbligo di assumere disabili. L’esonero spetta quando ricorrono specifiche condizioni dettate dalla norma e il contributo va versato almeno 5 giorni prima l’inoltro dell’istanza per via telematica.

La Direzione Generale per l’inclusione e le politiche sociali, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la nota n.5113 del 26 luglio 2016, con cui indica le modalità di versamento del contributo esonerativo dovuto dai datori di lavoro che, entro il 31 luglio, autocertificheranno l’esonero dal computo nella quota di riserva degli addetti impegnati in lavorazioni che comportano il pagamento di un tasso di premio ai fini INAIL pari o superiore al 60 per mille.

Condizioni di esonero
Il datore di lavoro per accedere all’esonero deve:

– occupare operai addetti a lavorazioni che comportino il pagamento di un tasso di premio INAIL pari o superiore al 60 per mille;
– autocertificare l’esonero dall’obbligo del collocamento disabili;
– versare al Fondo per il diritto al lavoro, , nei successivi 5 giorni, un contributo esonerativo di € 30,64 per ogni giorno lavorativo con riferimento a ciascun lavoratore con disabilità non occupato.

L’autocertificazione deve contenere, per ciascuna provincia in cui vi sono unità produttive interessate dall’esonero, i seguenti dati:

– la base di computo;
– la quota di riserva;
– il numero dei lavoratori con disabilità occupati;
– il numero degli addetti impegnati in lavorazioni superiore al 60 per mille;
– la base netta intesa come la base di computo al netto del numero degli addetti impegnati in lavorazioni a rischio superiore al 60 per mille;
– la quota netta ovvero la quota di riserva calcolata sulla base netta;
– la quota di esonero.

Versamento del contributo
Il contributo di esonero è pari a €30,64 per ogni giorno lavorativo riferito a ciascun lavoratore con disabilità non occupato. Al riguardo va sottolineato che, indipendentemente dal contratto collettivo nazionale di lavoro applicato, il contributo è calcolato convenzionalmente su 5 giorni lavorativi a settimana, pari a 22 giorni al mese: l’importo è pari a €2.022,24 euro a trimestre per ciascun lavoratore con disabilità per cui si autocertifica l’esonero. Il datore di lavoro è tenuto ad effettuare, nei 5 giorni lavorativi precedenti l’autocertificazione, il versamento del contributo esonerativo a copertura del periodo che intercorre dalla data di presentazione dell’autocertificazione al termine del trimestre.

Gli estremi del pagamento, che deve avvenire attraverso bonifico bancario ordinario, devono essere dichiarati nel modello da trasmettere.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here