Dipendenti pubblici: fissato al 15 settembre la presentazione delle istanze di sussidio

0
44

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con circolare n.15 del 9/7/14 ha ridefinito le modalità per la concessione di provvidenze a favore del personale in servizio, di quello cessato dal servizio e delle loro famiglie.

Le categorie di spesa oggetto del sussidio riguardano:

– Spese sanitarie: rimborsabili fino ad un importo massimo di 1.000,00 Euro con una franchigia di 500,00 Euro;
– Spese funebri: riconoscibili fino ad un importo massimo di 600,00 Euro;
– Spese straordinarie ed impreviste connesse a situazioni di grave disagio economia: riconoscibili fino ad un importo massimo di 600,00 Euro.

Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute nei due anni solari precedenti la data di presentazione della domanda ed escluse dal beneficio le spese coperte in tutto o in parte da eventuali polizze assicurative, nonché quelle che abbiano costituito oggetto di analoga richiesta di sussidio da parte del coniuge o del convivente al proprio datore di lavoro.

L’istanza di sussidio deve essere presentata da parte dell’avente diritto, allegando la relativa documentazione a supporto, alla Div. X della Direzione Generale P.I.B.Lo. , tramite l’Ufficio di appartenenza nel caso di dipendenti in servizio; a mezzo servizio postale {Div. X – Direzione Generale P.I.B.Lo. – Via Flavia, n.6 – 00187 Roma) o via posta elettronica all’indirizzo Div10risorseumane@lavoro.gov.it , nel caso di dipendenti cessati dal servizio o nel caso di istanze avanzate dagli altri aventi diritto.

Le istanze devono essere presentate tassativamente, a pena di decadenza, entro e non oltre il 31 marzo per consentire l’adozione dei provvedimenti relativi entro l’anno, e solo in sede di prima applicazione della circolare il termine, in via del tutto eccezionale è prorogato al 15 settembre 2014.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here