Contratti di solidarietà: indicazioni per ottenere le riduzioni contributive

0
11

Con la circolare n.70 del 7 aprile 2015, vengono emanate dall’INPS, le disposizioni operative per la fruizione delle riduzioni contributive previste per i contratti di solidarietà, accompagnati da Cigs, stipulati esclusivamente nel periodo dal 01.01.2006 al 30.06.2008 e i cui benefici contributivi, sotto il profilo della competenza, si collocano nell’ambito del predetto periodo.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e degli incentivi all’occupazione, ha recentemente autorizzato, al fondo per l’occupazione, il finanziamento degli sgravi contributivi per i contratti di solidarietà, accompagnati da Cigs, stipulati successivamente al 31/12/2005 ed entro il 30/06/2008.
L’INPS, con circolare n.70 del 7 aprile 2015, fornisce le istruzioni operative per l’applicazione della riduzione contributiva.

Soggetti beneficiari
Le imprese che hanno stipulato contratti di solidarietà, dal 31.12.2005 al 30.06.2008, con intervento della Cassa Integrazione guadagni straordinaria disposto con apposito decreto ministeriale sono le destinatarie dell’agevolazione contributiva. I benefici contributivi, sotto il profilo della competenza, si collocano nell’ambito del predetto periodo.

Soggetti esclusi
Restano estranei al beneficio i contratti di solidarietà stipulati dai datori di lavoro destinatari delle disposizioni di cui all’art.5, commi 5, 7, 8 del DL 20/5/1993, n.148, convertito nella legge 19/7/1993, n.236, (CdS di tipo b), cui possono accedere le aziende che non rientrano nel campo di applicazione della Cigs. Inoltre la riduzione è alternativa a qualsiasi forma di beneficio contributivo previsto, a qualunque altro titolo, dall’ordinamento, per cui, non potranno fruire dello sgravio i lavoratori per i quali i datori di lavoro hanno già goduto di altre agevolazioni contributive.

Modalità di applicazione della riduzione contributiva
La riduzione è prevista per la durata del contratto con il limite massimo di 24 mesi e compete per ogni lavoratore interessato dall’abbattimento di orario in misura superiore al 20 per cento con erogazione dell’integrazione salariale straordinaria. La misura della riduzione della contribuzione previdenziale ed assistenziale è del 25 per cento ed è elevata al 35 per cento nel caso in cui l’accordo disponga una riduzione dell’orario superiore al 30 per cento.

Adempimenti delle Sedi e dei datori di lavoro
La procedura per il conseguimento della riduzione contributiva deve essere attivata ad iniziativa dei datori di lavoro interessati a cui sarà attribuito dall’INPS il codice di autorizzazione 7K. Ai fini della compilazione del flusso UniEmens, le imprese interessate inseriranno nell’elemento <DenunciaAziendale>, <AltrePartiteACredito>, <CausaleACredito> il nuovo codice “L900” e le relative <SommeACredito> (che rappresentano l’importo delle riduzioni contributive spettanti).

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here