Contratti di solidarietà difensivi: possibile assumere apprendisti

0
19

Il Ministero del lavoro, su interpello del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, interviene in materia di apprendistato sulla possibilità di procedere a nuove assunzioni di apprendisti in costanza di contratto di solidarietà difensivo.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con risposta ad interpello n.21 delll’11 agosto 2016, interviene nuovamente in materia di apprendistato in risposta ad un interpello proposto dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro riguardo la corretta interpretazione delle disposizioni sul riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro. In particolare, è stato chiesto il parere del Dicastero sulla possibilità di assumere apprendisti in costanza di contratto solidarietà difensivo.

Il parere del Ministero
Il Ministero del Lavoro parte dalla premessa che il contratto di solidarietà difensivo costituisce una specifica causale del trattamento di integrazione salariale straordinaria che si attiva in base ad un accordo stipulato tra azienda e organizzazioni sindacali al fine di evitare la riduzione degli organici o la dichiarazione di esubero del personale, prevedendo la riduzione dell’orario di lavoro per il personale interessato.

Il Ministero osserva inoltre che gli apprendisti risultano esclusi dalla platea dei destinatari del trattamento di integrazione salariale straordinario per solidarietà.

Si ricorda altresì che la funzione primaria del contratto di solidarietà difensivo consiste nel mantenimento dei livelli occupazionali e dunque appare possibile che l’azienda, per fronteggiare sopravvenute e temporanee esigenze di maggior lavoro:

– operi una minore riduzione dell’orario di lavoro del personale interessato rispetto a quanto originariamente pattuito;
– proceda a nuove assunzioni, nel caso in cui tali esigenze di maggior lavoro possano essere soddisfatte soltanto da lavoratori con mansioni non disponibili nell’organico aziendale.

Alla luce di quanto sopra si conferma la possibilità di procedere a nuove assunzioni in costanza di solidarietà difensiva, anche mediante l’attivazione di un contratto di apprendistato, a condizione che:

– nel rispetto della proporzione fissata dalla legge tra apprendisti assunti e maestranze specializzate e qualificate;
– il datore di lavoro o i suoi dipendenti possiedano l’esperienza e le competenze necessarie a garantire che l’apprendista riceva una formazione adeguata.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here