Collocamento della gente di mare nelle Agenzie per il Lavoro

0
39

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto interministeriale del 29 novembre 2014 che prevede il rilascio dell’autorizzazione allo svolgimento del collocamento della gente di mare da parte delle Agenzie per il lavoro.

Per attività di collocamento della gente di mare si intende l’attività di intermediazione tra la domanda e l’offerta di lavoro marittimo. A tale scopo è aggiunta alla Sezione III dell’Albo delle Agenzie per il lavoro la “Sub-Sezione III.2 – intermediazione della gente di mare”.

La richiesta di autorizzazione all’attività di intermediazione della gente di mare e di iscrizione all’Albo delle Agenzie per il lavoro deve essere presentata esclusivamente per via telematica attraverso il portale Cliclavoro (www.cliclavoro.gov.it).

I soggetti autorizzati all’esercizio dell’attività di intermediazione della gente di mare hanno l’obbligo di interconnettersi al portale Cliclavoro (www.cliclavoro.gov.it) e conferire altresì i dati e le informazioni utili relative al monitoraggio dei fabbisogni professionali e al buon funzionamento del mercato del lavoro marittimo, raccolti nell’esercizio dell’attività di intermediazione.

I requisiti richiesti per l’iscrizione all’albo sono quelli previsti all’art.5, commi 1 e 4, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n.276 ad eccezione di quello previsto al comma 4 lettera b) e cioè “la garanzia che l’attività interessi un ambito distribuito sull’intero territorio nazionale e comunque non inferiore a quattro regioni”.
Restano ferme le funzioni svolte dai raccomandatari marittimi in materia di ingaggio per conto terzi dei lavoratori marittimi.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here