mercoledì 23 agosto 2017 | 20:29
Home Il Pubblico Impiego

Il Pubblico Impiego

Per impiegato statale, si intende un lavoratore dipendente in servizio presso le pubbliche amministrazioni statali, che siano esse centrali o locali. L'espressione dipendente pubblico viene invece spesso si utilizzata in modo generico per riferirsi ad un lavoratore dipendente presso un ente pubblico della pubblica amministrazione, non necessariamente di rilievo statale. L'insieme delle norme e degli istituti che regolano il rapporto di lavoro di tali dipendenti viene detto genericamente pubblico impiego. Generalmente essi per poter accedere al ruolo devono superare un concorso pubblico, secondo le leggi vigenti dello stato.

Pubblico impiego contrattualizzato: anzianità massima contributiva e licenziamento

Il licenziamento del dipendente comunale che abbia compiuto l'anzianità massima contributiva di 40 anni va ben motivato ma può disporsi senza adottare un atto formale organizzativo. I principi di buona fede e correttezza, imparzialità e buon andamento caratterizzano anche gli atti di natura negoziale.

Licenziamenti nel pubblico impiego: inapplicabile la legge Fornero

Ai licenziamenti dei dipendenti della pubblica amministrazione non si applicano le modifiche apportate dalla legge Fornero all'art.18 dello Statuto dei lavoratori. È quanto ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza n.11868, depositata ieri, 9 giugno 2016.

Personale PA: possibile proroga del termine per l’opzione al TFR

Possibile proroga del termine, previsto dall'Accordo Nazionale Quadro del 29 marzo 2011, entro il quale il personale in regime di TFS può esercitare l'opzione al TFR. Con un comunicato stampa del 29 dicembre 2015, l'Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni rende noto di aver convocato a tal fine.

Dipendenti pubblici: effetti della legge di stabilità sui Tfs e Tfr

Le istruzioni per l'applicazione delle nuove disposizioni normative previste dalla legge 23 dicembre 2014, n.190 in tema di penalizzazioni per i soggetti che accedono alla pensione anticipata ad un'età inferiore ai 62 anni, ed aventi effetti sui Tfs e Tfr dei dipendenti pubblici, sono state fornite dall'INPS con la circolare n. 154 del 17 settembre 2015.

Dipendenti pubblici: nuovo sistema per la procedura pensioni dal 1° giugno

er la Gestione Dipendenti Pubblici tenuta dall'INPS, è in fase di avvio la sperimentazione della procedura pensioni sul nuovo sistema con il ripristino dei modelli PL1 e 350/P ai fini della liquidazione dei Tfs. Con circolare n.110 del 28 maggio 2015.

Riforma PA: come cambia la dirigenza pubblica

Approdato alla discussione in Aula al Senato il DDL recante la delega al Governo per la riforma della PA, integrato con una serie di emendamenti. Quanto al personale, il DDL conferisce al Governo una delega per la riforma della dirigenza pubblica con la costituzione di un ruolo unico per tutta la PA.

Dipendente pubblico in aspettativa: sospese le trattenute per i piccoli prestiti

Il dipendente pubblico in aspettativa per incarico presso un'organizzazione sindacale subisce la sospensione della trattenuta per il pagamento dell'eventuale piccolo prestito ottenuto antecedentemente. Lo comunica l'INPS con messaggio n.9357 del 3 dicembre 2014.

Dipendenti pubblici salvaguardati: liquidazione Tfs e Tfr

In assenza di deroghe, i dipendenti pubblici interessati dalle salvaguardie per l'accesso al pensionamento in base alla disciplina previgente all'art.24 del DL 201/201 conservano la modalità delle prestazioni di fine lavoro secondo la normativa vigente in materia. Lo comunica l'INPS con messaggio n.8680 del 12 novembre 2014.

Dipendenti pubblici e pensione di inabilità: istruzioni INPS

Con messaggio 6528 dell'8 agosto 2014 l'INPS fa seguito alle indicazioni fornite con la circolare n.120 del 6 agosto 2013 e n.140 del 3 ottobre 2013 e fornisce le modalità operative riguardo la pensione di inabilità.

Dipendenti pubblici: chiarimenti sulla rivalutazione pensionistica e sulle ritenute IRPEF

Per l'anno 2014 il Casellario ha provveduto a determinare gli importi sia per la rivalutazione dei trattamenti pensionisticisia per le ritenute IRPEF, restituendo alle gestioni le informazioni relative all'aliquota da utilizzare per la tassazione dei trattamenti.

Come cambia il pubblico impiego

Uno dei principali temi affrontati dal D.L. 90/2014 appena convertito in legge ed in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è il nuovo “Statuto” del personale pubblico, declinato attraverso i seguenti elementi chiave: ricambio generazionale, revisione del turn over e della mobilità.

D.L. Pubblica Amministrazione: il Senato vota la fiducia

Preso atto dello stop della Ragioneria Generale dello Stato (e del Commissario alla Spending Review), il Governo ha chiesto ed ottenuto dal Senato la fiducia sul maxiemendamento interamente sostitutivo del DDL di conversione del D.L.90/14.

Dipendenti pubblici: fissato al 15 settembre la presentazione delle istanze di sussidio

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con circolare n.15 del 9/7/14 ha ridefinito le modalità per la concessione di provvidenze a favore del personale in servizio, di quello cessato dal servizio e delle loro famiglie.

Pubblico impiego: la road map della riforma

Ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni, riforma della dirigenza, nuove norme per la mobilità obbligatoria e volontaria: queste alcune importanti direttrici della riforma del pubblico impiego, contenuta in un corposo lotto di provvedimenti approvato dal Consiglio dei Ministri.

Riforma Pubblica Amministrazione: mobilità, prepensionamenti e tagli alla spesa

Nella bozza del progetto riforma della pubblica amministrazione, all'esame del CDM di oggi 13 giugno: mobilità obbligatoria fino a 100 km, nuove norme sul turn over, ulteriori risparmi di spesa, stretta sui dirigenti e semplificazioni procedimentali.

ULTIME NEWS

Share This Article:

close