mercoledì 20 settembre 2017 | 04:58
Home Malattia, Infortunio e Maternità

Malattia, Infortunio e Maternità

La malattia costituisce una delle più importanti cause di sospensione del rapporto di lavoro per sopravvenuta impossibilità della prestazione di lavoro, in quanto l'alterazione dello stato di salute impedisce al lavoratore di effettuare la prestazione. La nozione di malattia, secondo la dottrina ormai consolidata, si identifica in: "uno stato morboso determinato da una patologia che impedisce l'esecuzione della prestazione lavorativa".

La certificazione di malattia si può contestare?

Il lavoratore, nel momento in cui non può prestare attività lavorativa a causa di malattia, ha l'obbligo di comunicare il suo stato al datore di lavoro e di certificarlo. Ma quando il datore di lavoro può contestare la certificazione di malattia?

La malattia: la certificazione medica

Con il presente approfondimento inizia l’illustrazione della disciplina riguardante l’assenza dei lavoratori per malattia. Con la presente trattazione si esamina, in particolare, il campo di applicazione della certificazione medica. Per malattia deve intendersi una alterazione dello stato di salute che abbia come conseguenza un’assoluta.

Malattia: nuovo certificato per il rientro anticipato

Con il messaggio 6973/14 l'INPS ha fornito istruzioni in merito ai casi in cui i dipendenti in malattia rientrino anticipatamente in servizio rispetto alla prognosi. Ciò è consentito solo in presenza di un nuovo certificato che indichi la guarigione.

Malattia professionale: certificazione medica, il nuovo modello 5 ss bis

L'INAIL ha avviato la distribuzione del nuovo modello di Certificazione Medica di Malattia Professionale, Mod. 5SS bis, che è entrato in uso a decorrere dal 1° settembre 2014. Le modifiche sono state apportate allo scopo di gestire le specificità del settore navigazione e di gestire le informazioni utili per il Registro Nazionale delle Malattia Professionali (RNMP) istituito presso l'INAIL.

Denuncia di infortunio e di malattia professionale: come presentarla

Quando si verifica un infortunio sul lavoro o in caso di malattia professionale deve essere presentata all'INAIL, entro i termini previsti, una apposita denuncia. Quali sono gli adempimenti dei datori di lavoro correlati e quali i termini di presentazione delle denunce?

La malattia del lavoratore

La tutela opera rispetto ad eventi che rendano il lavoratore concretamente inidoneo a svolgere le proprie mansioni, avuto riguardo al tipo di prestazione contrattualmente dovuta: la stessa malattia infatti può incidere diversamente sulla capacità lavorativa del soggetto.

L’invio telematico delle denunce di infortunio, di malattia professionale e silicosi/asbestosi

L’INAIL, facendo seguito a precedenti interventi, comunica che sono attivi i servizi per l’invio telematico delle denunce di infortunio e di malattia professionali e di asbestosi/silicosi per i datori di lavoro delle Amministrazioni statali in gestione per conto dello Stato.

L’accredito dei contributi figurativi durante gravidanza, maternità e allattamento

Uno dei momenti più importanti della vita di una donna, lavoratrice e non, è quello della nascita di un figlio. Dalla gravidanza, alla maternità, dall'allattamento ai primi anni del bambino, soprattutto in casi di malattia, la legge tutela il diritto della madre, e anche del padre, di occuparsi del lieto evento.

Malattie professionali: pronto il nuovo certificato medico

Disponibile il nuovo modello INAIL di certificato medico delle malattie professionali da utilizzare dal prossimo 1° settembre 2014. Cambia, dal 1° settembre 2014, la modulistica per la certificazione medica delle malattie professionali.

Maternità, Jobs Act: lavoro autonomo e professioni

Si ampliano le possibilità di congedo di maternità nei casi in cui la madre o entrambi i genitori siano lavoratori autonomi o professionisti: le novità previste dal decreto decreto conciliazione vita-lavoro attuativo del Jobs Act sono analizzate dalla circolare dei Consulenti del lavoro 17/2015.

Inabilità al lavoro: come applicare la c.d. “formula Gabrielli”

In tema di inabilità al lavoro, il meccanismo basato sulla c.d. “formula Gabrielli” non può essere applicato all'infinito; nel senso che, sulla base di una interpretazione letterale e logico-finalistica della normativa, si desume che esso è destinato ad operare al solo fine di tenere conto di aggravamenti della inabilità preesistenti.

Infortuni sul lavoro: incolumità del lavoratore da proteggere sempre

Il datore di lavoro è tenuto a proteggere l'incolumità del lavoratore nonostante la sua imprudenza e negligenza in caso di infortuni. L'imprenditore è integralmente responsabile dell'infortunio sul lavoro che sia conseguenza dell'inosservanza delle norme antinfortunistiche.

Malattia professionale: diritto alla rendita e prescrizione

Ai fini della decorrenza del termine di prescrizione del diritto alla rendita professionale rileva il momento "consapevole" di manifestazione della malattia. Nel regime normativo attuale la manifestazione della malattia professionale, rilevante quale "dies a quo" per la decorrenza del termine prescrizionale, può ritenersi verificata quando la consapevolezza circa l'esistenza della malattia.

Infortunio in itinere: evento lesivo e patologia preesistente

In tema di infortunio in itinere, nel caso in cui l'evento lesivo occorso al lavoratore rappresenta un "aggravamento" che si inserisce in un quadro patologico preesistente al fatto, è erroneo escludere la riconducibilità dell'invalidità temporanea all'incidente occorso al lavoratore medesimo.

Indennità di maternità: datore di lavoro e INPS, litisconsorzio necessario

Deve escludersi la necessità di distinguere tra indennità di malattia e indennità di maternità, poiché il meccanismo di sola anticipazione da parte del datore di lavoro é il medesimo. Pertanto in entrambi i casi la domanda del lavoratore dipendente.

ULTIME NEWS

Share This Article:

close