domenica 22 ottobre 2017 | 23:46

DURC interno: regolarità contributiva e benefici

Avviata dall'INPS la nuova procedura di controllo della regolarità aziendale per il rilascio del DURC “interno”. La procedura si basa su un sistema di “semafori” - verde, rosso e giallo – che scattano sulla base della eventuale rilevazione di irregolarità riscontrate.

Imprenditore artigiano: come inserire il figlio nell’attività aziendale?

L'imprenditore artigiano può avvalersi di personale alle proprie dipendenze, con alcuni limiti numerici, a seconda del tipo di attività svolta. Un'ulteriore alternativa può essere quella di costituire una società (a nome collettivo, o in accomandandita semplice, per esempio).

Il quadro delle sanzioni sull’orario di lavoro

L'attività di vigilanza riguardante l'orario di lavoro si caratterizza, in modo esemplare, per una oggettiva difficoltà operativa e di indagine, necessitando una attenta preparazione dell'intervento ispettivo programmato. Come si svolge l'accesso ispettivo? Quali sono le violazioni sanzionabili e quali le sanzioni applicabili?

Errata indicazione della data di avvio del rapporto

In merito a quanto richiesto nel quesito si conferma che, pur comprendendo la piena "buona fede " dello studio che ha effettuato la comunicazione in modo errato della data di avvio del rapporto a termine indicato, si consiglia comunque, se pur in ritardo, di formalizzare "immediatamente" "on line" opportuna rettifica.

Limiti dimensionali dell’azienda e nuovo art.18

Una società svolge nello stesso comune due attività distinte: lavorazione legno e metalli (settore Industria) e commercio legno e metalli (settore Terziario). Per queste attività opera con matricole Inps e Inail diverse, con personale distinto e con applicazione di due distinti CCNL.

Installazione di un firewall su rete aziendale: come viene tutelata la privacy dei lavoratori?

La recente diffusione delle nuove tecnologie ha contribuito a un assottigliamento della barriera della privacy, basti pensare, ad esempio, alla tracciabilità dei cellulari o alla relativa facilità di reperire gli indirizzi di posta elettronica delle persone. Anche il firewall può rivelarsi uno strumento "pericoloso" per la privacy.

Licenziamento a seguito di CIGS

Il problema riguarda la liquidazione del Tfr dopo un periodo di Cig in deroga durato quasi 2 anni e mezzo. La questione è la seguente: Un'azienda mia assistita, si trova da luglio 2009 a tutt'oggi in Cig in deroga a zero ore per tutti i reparti.

Contrattazione collettiva: limite massimo di lavoro straordinario annuale

In riferimento ai limiti quantitativi dettati dalla vigente normativa in materia di straordinario, si chiede se il tetto delle 250 ore annue può essere superato con contrattazione aziendale o individuale. Il contratto applicato è Ccnl autoferrotranvieri e legge speciale RD 148/1931.

Assunzione e oggetto del patto di prova: è necessaria la specifica indicazione delle mansioni?

Il patto di prova presuppone l'indicazione delle mansioni cui verrà adibito il lavoratore poiché la mancata o insufficiente determinazione dell'oggetto della prova comporta la nullità del patto con automatica conversione dell'assunzione in definitiva fin dall'inizio a prescindere dal livello contrattuale e dalla natura delle mansioni assegnate.

Trasformazione contratto di lavoro da full-time a part-time senza comunicazione alla DPL

A seguito di trasformazione del contratto di lavoro da full-time a part-time per un dipendente non è stata effettuata la prevista comunicazione alla DPL competente omettendo, inoltre, di consegnare al lavoratore interessato copia del contratto part-time.

Licenziamento individuale: come si quantifica l’Indennità di mancato preavviso?

Ai sensi dell'art.2121 c.c. "l'indennità di cui all'art.2118 deve calcolarsi computando le provvigioni, i premi di produzione, le partecipazioni agli utili o ai prodotti ed ogni altro compenso di carattere continuativo, con esclusione di quanto è corrisposto a titolo di rimborso spese.

Successione di contratti a termine: rispetto dei tempi minimi di interruzione

Una dipendente è assunta in sostituzione di maternità. La persona sostituita rientra il 1° febbraio 2011. La sostituta cesserà pertanto il 31 gennaio 2011. L'azienda vorrebbe però assumerla di nuovo, per motivi organizzativi, con altro contratto a termine (con causa ed oggetto diversi) dal 1° febbraio 2011.

Il contratto di lavoro può essere annullato per assenza?

Vorrei sapere se il contratto di lavoro, ove il dipendente non si sia mai presentato per svolgere attività lavorativa, senza mai fornire alcuna giustificazione, possa essere risolto annullando l'assunzione e comunicando al dipendente il suddetto annullamento.

Maternità anticipata della dipendente assunta in sostituzione: licenziamento in periodo di congedo di maternità

Si chiede di sapere se una dipendente assunta in sostituzione di maternità in data 01/02/2010 senza scadenza, essendo a sua volta in maternità anticipata dal 07/06/2010 fino al 05/08/2010, possa essere licenziata al momento del rientro dalla maternità della dipendente sostituita che presumibilmente sarà intorno alla fine di luglio 2010.

Prescrizione dei diritti del lavoratore: decorrenza: categorie, qualifiche e mansioni

Può un lavoratore occupato presso un'azienda di tre dipendenti, assunto da 15 anni, rivendicare differenze per mansioni superiori e retributive sin dall'assunzione? Il termine di prescrizione in costanza di rapporto, tenuto conto della dimensione aziendale, a quanti anni ammonta?

ULTIME NEWS

Share This Article:

close