Bonus disoccupati: richieste all’INPS entro il 30 settembre

0
6

Entro il 30 settembre 2014 i datori di lavoro interessati ai benefici per l’occupazione previsti dalla legge n.191/2009, per l’anno 2012, devono inviare apposita domanda all’INPS anche qualora le stesse fossero già state erroneamente presentate. Con circolare n.98 di ieri l’INPS fornisce le modalità operative.

La legge n.191 del 23 dicembre 2009 con i commi 134, 135 e 151 dell’art.2, ha introdotto una serie di benefici connessi all’assunzione di lavoratori disoccupati, che versino in situazioni particolari. In particolare:

1) il comma 134, 1° periodo, ha previsto benefici per l’assunzione di lavoratori disoccupati che abbiano almeno 50 anni, titolari di indennità di disoccupazione non agricola con requisiti normali;
2) il comma 134, 2° periodo, ha previsto benefici per la prosecuzione del rapporto di lavoro con dipendenti già in forza, che abbiano almeno 35 anni di anzianità contributiva, per i quali siano scaduti determinati benefici connessi alla condizione di disoccupato del lavoratore;
3) il comma 151 ha previsto benefici per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di lavoratori disoccupati di qualunque età, titolari di indennità di disoccupazione ordinaria o del trattamento speciale di disoccupazione edile.

Tali benefici sono stati previsti per l’anno 2010 e prorogati successivamente anche per gli anni successivi fino al 2012, non così per l’anno 2013. La circolare n.98 del 06/08/2013 pubblicata sul sito istituzionale dell’INPS illustra le modalità operative per la fruizione dei benefici relativi al 2012:

Nel primo caso il beneficio contributivo è riconosciuto per la durata del rapporto di lavoro e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2012, il beneficio non può essere complessivamente superiore a dodici mesi ed è riconosciuto, per l’anno 2012, nel limite delle risorse stanziate pari a euro 769.453,38.

Nel secondo caso il beneficio decorre dalla proroga e/o trasformazione del rapporto di lavoro o, in caso di mera continuazione dello stesso, dal giorno successivo a quello in cui sia scaduta la precedente agevolazione. In ogni caso il beneficio non si applica prima che sia maturato il requisito dell’anzianità contributiva. Il beneficio è riconosciuto, per l’anno 2012, nel limite delle risorse stanziate pari a euro 37.506,17.

Nel terzo caso il beneficio spetta per un periodo pari alla durata residua del trattamento riconosciuto al lavoratore e comunque non oltre il 31 dicembre 2012 e spetta nel limite delle risorse stanziate – pari a euro 794.629 per l’anno 2012 – ed è erogato attraverso il conguaglio con le somme dovute dai datori di lavoro a titolo di contributi previdenziali e assistenziali.

I datori di lavoro interessati dovranno presentare apposita domanda, contenente una dichiarazione di responsabilità in ordine alla sussistenza delle condizioni di legge.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente in modalità telematica, avvalendosi dell’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente” disponibile presso il sito internet dell’Istituto www.inps.it, seguendo il percorso “servizi on line”, “per tipologia di utente”, “aziende, consulenti e professionisti”, “servizi per le aziende e consulenti”, “dichiarazioni di responsabilità del contribuente”.

Fonte: Ipsoa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here