Artigianato: nuove regole per il fondo di solidarietà

0
105

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.56/2015 del decreto interministeriale del 9 gennaio 2015 viene disciplinato il Fondo di Solidarietà Bilaterale alternativo dell’Artigianato (FSBA).

Normativa
L’art.3, comma 4, della Legge n.92/2012 (Riforma del Lavoro Fornero), e successive modificazioni stabilisce che:

“Le organizzazione sindacali e imprenditoriali comparativamente più rappresentative a livello nazionale stipulano accordi collettivi e contratti collettivi, anche intersettoriali, aventi ad oggetto la costituzione di Fondi di Solidarietà bilaterali per i settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale con la finalità di assicurare ai lavoratori una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per cause previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria”.

FSBA
Il 29 novembre 2013 era stato siglato tra Confartigianato Imprese, CNA, Casartigiani, CLAAI, CGIL, CISL e UIL, l’accordo interconfederale applicativo dell’accordo interconfederale 31 ottobre 2013 per la definizione delle risorse per l’avvio del Fondo di Solidarietà Bilaterale alternativo dell’Artigianato (FSBA). Con il decreto 9 gennaio 2015 emanato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze l’attività di FSBA per il settore artigiano va a regime. Vengono quindi stabiliti:

– le disposizioni per determinare requisiti di professionalità e onorabilità dei soggetti preposti alla gestione dei Fondi;
– i criteri e requisiti per la contabilità dei Fondi;
– le modalità volte a rafforzare la funzione di controllo sulla loro corretta gestione e di monitoraggio sull’andamento delle prestazioni, anche attraverso la determinazione di standard e parametri omogenei.

Fonte: pmi.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here